Testo per la preghiera personale e in famiglia - Settimana Santa 2020

Pubblicato da Marco Scagnellato il giorno 01/04/20 alle ore 12:20:07

La Pasqua, centro e il culmine della nostra fede, da sempre viene preparata con grande cura. L’attuale situazione di emergenza sanitaria, che ci priva della celebrazione dei sacramenti e dell’esperienza comunitaria, richiede un’attenzione maggiore perché la prossima Pasqua non sia improvvisata. (Scarica QUI il file)

  • Desideriamo accompagnare questo tempo prezioso - la Settimana santa e il Triduo pasquale – con uno strumento di preghiera unitario per tutti i credenti, le famiglie e le parrocchie della Diocesi: un segno di comunione ecclesiale che ci porta a rinunciare ad altre proposte (schemi di preghiera, video e trasmissioni preparati in proprio) per sottolineare il coinvolgimento comunitario dei giorni che ci attendono.
  • La Settimana Santa, il Triduo Pasquale e il tempo di Pasqua, come già avvenuto nel tempo di Quaresima, possono diventare l’opportunità per riscoprire la preghiera personale e in famiglia come occasione da valorizzare anche ben oltre l’emergenza attuale. I riti, le preghiere e i gesti domestici proposti, ovviamente, non sostituiscono la preghiera comunitaria e la celebrazione liturgica, alle quali sarà importante tornare non appena le circostanze lo permetteranno.
  • La struttura della proposta pastorale che qui viene offerta è elastica e, come tale, offre dei suggerimenti e delle indicazioni, senza schematizzare troppo.
  • La meditazione della Parola di Dio e la Liturgia delle Ore rimangono strade privilegiate per la preghiera personale e in famiglia.
  • Ogni giorno eleviamo la nostra preghiera fiduciosa a Dio per gli ammalati e i loro familiari, per tutti gli operatori sanitari e per il nostro Paese così ferito dal contagio del virus, perché siamo tutti in grado di vivere le circostanze attuali da credenti.

 

SCARICA QUI il pdf del libretto con il testo per la preghiera personale e in famiglia.

 


 

 

«L’angolo bello» della casa
I cristiani ortodossi chiamano «angolo bello» lo spazio dove in casa collocano una o più icone, una lampada votiva e dei fiori. Si pensi ad un luogo in casa, anche piccolo, ma curato, dove mettere in evidenza alcuni segni importanti, quali: il libro dei Vangeli, il Crocifisso, una candela, dei fiori, un ramoscello d’ulivo (per chi ne possiede la pianta nel giardino di casa, e senza dover farlo benedire), la cassettina dell’Ufficio missionario (che ci riporta ai progetti missionari della Diocesi nell’ambito della Quaresima di fraternità). Questo «angolo bello» può diventare il luogo di ritrovo per la preghiera e per porre alcuni gesti in comunione con quanto la Chiesa ci propone nei giorni santi.

 

fonte: http://www.diocesipadova.it/settimana-santa-e-triduo-pasquale-nota-pastorale-e-testi-per-la-preghiera/

 

Lasciaci un commento